Per i Ministri nè visite all'estero nè auto di lusso

Niente più missioni all’estero né auto di lusso per gli esponenti del governo: le misure, annunciate in un comunicato del primo ministro Carlos Gomes junior, avrebbero l’obiettivo di ridurre e razionalizzare le spese di uno stato fortemente indebitato nei confronti di paesi stranieri. Le disposizioni prevedono che le missioni all’estero dei ministri siano sostituite da più economiche visite degli ambasciatori accreditati nei paesi di volta in volta interessati. Il divieto all’acquisto delle “auto blu”, invece, scatterà se la spesa dovesse superare l’equivalente di 30.000 euro.

Le misure sono parte di un piano di tagli della spesa pubblica che dovrebbe tra l’altro permettere allo stato di beneficiare per tre anni di una riduzione del 98% del servizio del debito contratto nei confronti dei paesi del cosiddetto Club di Parigi, un debito stimato in circa 185 milioni di euro. Da Bissau fonti della MISNA sostengono che i tagli possono costituire “un primo passo” nella giusta direzione perché toccano “ingiusti privilegi”. Ma il risanamento dello stato, questa l’idea di fondo, sarà possibile solo con cambiamenti di respiro ampio. “Il problema – dicono alla MISNA – è la subordinazione delle istituzioni e della politica agli interessi del narcotraffico, che continua a condizionare la vita pubblica del paese”.

Fonte: Misna 28-07-2010

Informativa sulla Privacy

©2022 RETE GB | RETE GUINEA BISSAU ONLUS
ORGANISMO DI VOLONTARIATO
via dell’Industria 1/C - San Martino Buon Albergo (VR) 37036 Verona - info@retegb.org
Cod. Fiscale 93130820231

Search