COMINCIA RITIRO CONTINGENTE ANGOLANO - Misna 07 Giugno 2012 ore 11.25

E’ cominciato da qualche ora il ritiro della missione angolana in Guinea Bissau. Presenti dallo scorso anno, i militari di Luanda stanno caricando da ieri attrezzature e mezzi su una nave inviata a Bissau mentre una prima parte del contingente è già stato imbarcato su un aereo da trasporto.

La presenza angolana rientrava ufficialmente negli sforzi del governo di Carlos Gomes Junior di riformare le forze armate e si era concretizzata in corsi di addestramento per la polizia, nella costruzione di una scuola di polizia e nella ristrutturazione di diverse caserme. L’obiettivo, dicono fonti locali della MISNA, era quello di far crescere il peso della polizia così da ridurre quello dell’esercito da sempre attore interessato alla scena politica.

Un progetto di riforma fallito con il golpe attuato lo scorso 12 aprile dai militari che hanno giustificato il loro intervento sostenendo l’esistenza di un accordo segreto tra l’Angola e il deposto governo di Gomes Junior ai danni del paese.

Il ritiro del contingente angolano sta avvenendo nell’ambito dell’accordo di transizione mediato dalla Comunità economica dei paesi dell’Africa occidentale (Cedeao), contestato dal vecchio partito al potere, il Paigc. Sulla base dell’accordo è adesso presente a Bissau una missione della Cedeao di alcune centinaia di militari forniti dai paesi della regione.

Informativa sulla Privacy

Search