ARCHIVIO

RETEGB

RETEGB

Lunedì, 10 Settembre 2018 16:37

Chiesa in Guinea Bissau

LA STORIA DELLE DIOCESI DI GUINEA BISSAU

  • 1533  Creazione della Diocesi di Capo Verde che includeva anche la “terra ferma” di Guinea.
  • 1867  Creazione del Vicariato Generale di Guinea, dipendente dalla Diocesi di Capo Verde, ma già con una certa autonomia.
  • 1940  Creazione della missione “sui iuris” di Guinea, indipendente dalla Diocesi di Capo Verde.
  • 1955  Creazione della Prefettura Apostolica di Guinea.
  • 1977  Creazione della Diocesi di Bissau, il 21 marzo 1977 e nomina del suo primo Vescovo nella persona del francescano italiano dom Settimio Arturo Ferrazzetta con la bolla “Rerum catholicarum” di papa Paolo VI.
  • 1999  Il 26 gennaio 1999 muore il Vescovo dom Settimio A. Ferrazzetta.
  • 2000  Ordinazione episcopale del primo Vescovo guineano, dom Josè Câmnate na Bissign, il 12 febbraio 2000 oggi coadiuvato dall’Ausiliare dom José Lampra Cà.
  • 2001  Creazione della Diocesi di Bafatà, il 13 marzo 2001 e nomina del primo Vescovo nella persona del sacerdote del PIME dom Pedro Carlos Zilli con la bolla “Cum ad fovendam” di papa Giovanni Paolo II.
  • 2001  Inaugurazione del Seminario Maggiore di Bissau il 13 ottobre 2001.


L’EVANGELIZZAZIONE FINO ALL’INDIPENDENZA
È a partire dal 1660 con l'arrivo dei Francescani portoghesi a Cacheu prima e poi a Bissau, che inizia veramente l'evangelizzazione in Guinea con sufficiente continuità. Era sviluppata con lo stile itinerante con solo alcuni punti fermi, soprattutto negli ostelli di Cacheu e Bissau. Da qui si irradiava nei vari punti del territorio toccando anche il Sénégal, la Guinea Conakry e la Serra Leone. A questi primi missionari itineranti si deve l'inizio dell'evangelizzazione in questi territori. Il numero di questi primi missionari è sempre stato ridotto, raramente oltrepassava la decina di persone che si distribuivano tra Cacheu, Farim, Geba, Bissau e Ziguinchor.
Una certa importanza ha rivestito la presenza dei Padri Secolari, soprattutto nel secolo XIX. Inviati dal Portogallo alcuni di loro erano originari di Capo Verde e Goa. Quelli originari di Guinea Bissau erano abbastanza pochi e per lo più concentrati nel secolo XIX.
Dal 1940 è stata affidata alla Chiesa la responsabilità delle scuole Primarie non ufficiali. L'evangelizzazione così passò attraverso queste scuole e il professore di queste era anche il catechista della Missione. Era questa una condizione sicuramente migliore di quella precedente il 1940 anche se il sostegno non era molto e l'insegnamento non era esteso a tutti (gli adulti non frequentavano la scuola).  Fin dal 1932 alla Chiesa è stata lasciata una notevole indipendenza nel campo dell'assistenza e promozione sociale; basterà ricordare il lebbrosario ci Cumura (1955) e i tanti presidi sanitari sparsi praticamente in quasi tutte le missioni. Da ricordare anche la tipografia delle missioni che, oltre a pubblicare un diario durato 25 anni, ha consentito la preparazione di tecnici di valore come pure molti usciti dalle scuole professionali di Cumura.

L’EVANGELIZZAZIONE DOPO L’INDIPENDENZA
Dopo l'indipendenza proclamata unilateralmente il 21 settembre 1973 e riconosciuta dal Portogallo l'anno seguente, le scuole sono state nazionalizzate e di conseguenza non hanno potuto più essere il veicolo preferenziale dell’evangelizzazione, tanto più che lo Stato si presentava come “laico” che non significava ostile alla religione, ma non poteva privilegiare alcune di esse di conseguenza la Chiesa ha dovuto puntare a realizzare alcuni obiettivi:

  • maggior penetrazione all’interno del Paese;
  • maggior numero di Istituti religiosi presenti e operanti nel Paese;
  • ricerca di una linea comune di pastorale data la diversità di provenienza e culture presenti nei vari Istituti;
  • intensificazione del lavoro vocazionale;
  • aggiornamento del lavoro di evangelizzazione e sviluppo della promozione sociale;
  • miglioramento degli strumenti diocesani di pastorale;
  • inaugurazione del Seminario Maggiore di Bissau;
  • creazione della Diocesi di Bafatà e intronizzazione del suo primo Vescovo(2001)

Domenica 26 aprile 2009 si è svolta a Selva di Progno la commemorazione di S. E. Monsignor Settimio Arturo Ferrazzetta, nel decennale della sua scomparsa, organizzata dal Comune di Selva di Progno, dall’Associazione Rete Guinea Bissau onlus, dalle parrocchie e dal gruppo missionario di Selva.

La giornata, inaugurata dal saluto del Sindaco di Selva di Progno, è stata rallegrata dalla notizia più bella che la Guinea Bissau possa ricevere.

Le Diocesi della Guinea Bissau e l’ordine dei Francescani minori hanno avviato le pratiche per la beatificazione di Mons. Ferrazzetta.

La notizia è stata data quasi in sordina dal Provinciale dei Frati minori al termine della celebrazione, presieduta da S.E. Monsignor Josè Câmnate, Vescovo di Bissau e successore del compianto Bispo Settimio, ed è stata accolta con grandissima gioia e commozione. Ora si aprirà il lungo iter, che ci auguriamo arrivi a una conclusione positiva.

Durante la celebrazione, Monsignor Câmnate ha tracciato un ricordo di Dom Settimio come uomo, frate e Pastore. Più volte ha sottolineato quanto la sua figura sia importante tutt’oggi per tutta la Guinea Bissau, senza distinzione di religione o etnia, e che tutti lo venerano come un Padre della patria.

Monsignor Câmnate ha parlato anche del documento che è stato pubblicato di recente da tutti i capi delle religioni del Paese, Cattolici, Evangelici e Musulmani, e che costituisce un appello alla popolazione e alle autorità affinché le elezioni, previste per il 28 giugno, portino un vero cambiamento di pace e riconciliazione per la Guinea Bissau, come avrebbe voluto Mons. Ferrazzetta. E proprio il motto spirituale di Mons. Ferrazzetta è stato preso come spunto dai leader religiosi: La verità vi renderà liberi. Non ci può essere vera libertà, ha affermato Mons. Câmnate, senza verità. La Guinea Bissau ha bisogno di verità e di riconciliazione. Mons. Ferrazzetta lo sapeva e lo ha predicato con forza in ogni momento, anche durante i difficili mesi della guerra civile.

Câmnate ha ricordato anche la grande umanità di Ferrazzetta, che non faceva distinzioni tra ricchi, potenti e miseri. Per lui erano tutti uguali e tutti venivano accolti nello stesso modo, nel suo studio, seduti sulla stessa sedia.

Infine il Vescovo di Bissau ha fatto un appello alla comunità guineana in Italia, affinché non perda la grande eredità spirituale che Mons. Ferrazzetta ha lasciato e sia unita nel comune sforzo di fare qualcosa di buono per la Guinea Bissau. Solo superando le divergenze, le diversità di etnia e religione si potrà rendere onore a Mons. Ferrazzetta e aiutare il Paese che amava tanto.

La giornata, che si è conclusa con il pranzo offerto dal Comune di Selva di Progno,è stata l’occasione per festeggiare la bella notizia dell'avvio del processo di beatificazione di questo straordinario Vescovo, un vero Frate Minore.

 
Associazione Rete Guinea Bissau onlus

Lunedì, 10 Settembre 2018 15:57

È ARRIVATO IL 5x1000

È arrivata la comunicazione dello stanziamento del 5x1000 che i nostri soci e sostenitori hanno destinato alla Rete Guinea Bissau per l’anno 2007 (ricordiamo che nel 2006 erano stati 487 gli amici che ci hanno sostenuto con € 13.475,79).

Nel 2007 sono stati 399 gli amici che ci hanno dato il loro appoggio destinandoci il 5x1000 delle loro imposte, e che soprattutto ci hanno fatto sentire il loro incoraggiamento.

A loro va il nostro più sentito e riconoscente grazie!

Ci sono stati destinati € 12.687,86 che per noi sono preziosi. Tutti sanno che i tempi odierni sono difficili per tutti e in particolare per le associazioni di volontariato. I problemi e le richieste delle Diocesi guineane sono sempre più pressanti e le necessità premono. Ecco perché quanto ci è stato destinato ci è prezioso. Ma lo è soprattutto perché ci incoraggia e ci fa sentire che ci sono amici che condividono le nostre fatiche e i nostri ideali. Quindi grazie a tutti, grazie di cuore!

 
Il Presidente e il Direttivo

“Schermi giganti ‘sponsorizzati’, un’antenna parabolica e un luogo di ritrovo possibilmente al chiuso perché qui ha cominciato a piovere. Poi tanto tifo per le squadre africane, ma anche per il Brasile e il Portogallo. Sono questi i mondiali di calcio qui in Guinea Bissau”. Raggiunto dalla Misna, padre Davide Sciocco, missionario del Pontificio istituto missioni estere (Pime), racconta l’evento sportivo dell’anno per la prima volta organizzato in Africa (in Sudafrica), così come viene visto da uno dei paesi più poveri del continente.

“Gli aggiornamenti su specifici fatti sportivi vengono dati di continuo dalle radio che sono il primo e più accessibile mezzo di comunicazione – continua padre Sciocco, che è anche animatore di Radio ‘Sol Mansi’ – ma le partite sono viste in diretta sia nelle grandi città che nei piccoli villaggi. I mondiali sono momento di incontro e alle partite è possibile assistere grazie agli schermi messi a disposizione da aziende e imprese che durante l’intervallo promuovono concorsi a premio mettendo in palio loro prodotti”. La partita diventa così momento di incontro e centro di piccoli commerci. “Nei luoghi più affollati – conclude padre Davide – sono immancabili i venditori ambulanti di polpettine fritte, ma vanno a ruba anche i dolci, su tutti le ‘donette’ e i ‘risoich’"

Fonte: Misna 25-06-2010

Niente più missioni all’estero né auto di lusso per gli esponenti del governo: le misure, annunciate in un comunicato del primo ministro Carlos Gomes junior, avrebbero l’obiettivo di ridurre e razionalizzare le spese di uno stato fortemente indebitato nei confronti di paesi stranieri. Le disposizioni prevedono che le missioni all’estero dei ministri siano sostituite da più economiche visite degli ambasciatori accreditati nei paesi di volta in volta interessati. Il divieto all’acquisto delle “auto blu”, invece, scatterà se la spesa dovesse superare l’equivalente di 30.000 euro.

Le misure sono parte di un piano di tagli della spesa pubblica che dovrebbe tra l’altro permettere allo stato di beneficiare per tre anni di una riduzione del 98% del servizio del debito contratto nei confronti dei paesi del cosiddetto Club di Parigi, un debito stimato in circa 185 milioni di euro. Da Bissau fonti della MISNA sostengono che i tagli possono costituire “un primo passo” nella giusta direzione perché toccano “ingiusti privilegi”. Ma il risanamento dello stato, questa l’idea di fondo, sarà possibile solo con cambiamenti di respiro ampio. “Il problema – dicono alla MISNA – è la subordinazione delle istituzioni e della politica agli interessi del narcotraffico, che continua a condizionare la vita pubblica del paese”.

Fonte: Misna 28-07-2010

Sarà la situazione politica in Guinea Bissau e la possibilità di inviare sul posto una ‘forza di stabilizzazione’ il tema principale di una riunione straordinaria della Comunità dei paesi dell’Africa occidentale (Ecowas/Cedeao) che si apre oggi ad Abuja, in Nigeria. L’obiettivo della forza di stabilizzazione dovrebbe essere quello di favorire una riforma dell’esercito della Guinea Bissau che gode attualmente di ampi poteri e di un notevole grado di influenza politica. Ieri, con una formula molto diplomatica, la Commissione permanente dell’Assemblea nazionale guineana ha lodato “ogni sforzo che serva a stabilizzare il paese”, ma il suo parere – sottolineano fonti locali della MISNA – non è vincolante e le parole con cui è stato espresso non fanno chiarezza sulla volontà di accogliere o meno soldati dei paesi vicini.

Sulla carta, la luce verde all’ingresso di un contingente dell’Ecowas deve in effetti essere data dal governo con una proposta da sottoporre al voto parlamentare e da affidare quindi al presidente Malam Bacai Sanha. Quest’ultimo è partito ieri alla volta di Abuja e oggi parteciperà al vertice. Nella nota che annuncia l’incontro, l’Ecowas affronta direttamente l’argomento della riforma dell’esercito guineano prospettando una serie di iniziative che vanno dall’addestramento degli ufficiali, alla creazione di fondi pensionistici, allo stabilimento di misure a garanzia delle istituzioni repubblicane.

Fonte Misna 17/09/2010

“Le radio locali quale strumento di pace in Guinea Bissau”. È il tema sul quale è stato invitato a intervenire a New York padre Davide Sciocco, missionario del Pontificio Istituto Missioni Estere (Pime), da anni attivo nella piccola realtà del Paese africano, dove ha fondato e dirige Radio Sol Mansi. “La radio – dichiara il missionario all’agenzia Misna – è lo strumento di comunicazione più importante e diffuso in Guinea Bissau e Radio Sol Mansi si è subito distinta per aver scelto una strada di dialogo e di toni pacati. Parliamo di pace, ricordiamo che in Guinea Bissau non ci sono solo conflitti, ma questo non significa non denunciare le ingiustizie o le violazioni dei diritti umani, né nascondere la cronaca quotidiana.

Usiamo lo strumento della verità come paradigma della nostra comunicazione”. All’Università di Providence, padre Davide illustrerà gli usi e gli abusi delle radio e il ruolo positivo che la radio può assumere nel suggerire forme di convivenza e di confronto, all’insegna del dialogo interreligioso. “Da tempo – sottolinea – collaboriamo con la Radio coranica: loro ospitano nostri programmi, noi i loro e i giornalisti di entrambi seguono comuni corsi di formazione. Un’alleanza che sta spingendo anche le altre radio a non guardare se si è musulmani o cristiani, di quella o di quell’altra etnia, con effetti benefici sul dibattito politico e su chi ci ascolta”. (L.G.)

Il primo ministro Carlos Gomes Junior sarebbe coinvolto nell'omicidio di due deputati: è l'accusa contenuta in una lettera aperta a firma di una decina di membri del Partito africano per l'indipendenza della Guinea Bissau e del Capo Verde (Paigc, al potere). I deputati del Paigc, Helder Magno Proença e Baciro Dabo, sono stati assassinati nel Giugno 2009: due mesi fa le loro famiglie hanno organizzato a Bissau una marcia per chiedere giustizia.

Secondo i firmatari della lettera, l'ex-capo di stato maggiore, l'ammiraglio Jose Zamora Induta avrebbe già confermato il coinvolgimento del primo ministro. Intanto ad essere condannato a tre anni di carcere con la condizionale è l'ex-segretario di Stato al tesoro, Maria Paula Costa, colpevole di appropriazione indebita di fondi pubblici per più di 160.000 dollari; i fatti risalgono al 2006.

Dopo cinque mesi di stop dovuti a problemi tecnici, la televisione della Guinea Bissau è tornata a funzionare lunedì grazie alla cooperazione fornita dall’Angola. Lo riferiscono fonti locali della MISNA dando anche conto delle parole di ringraziamento espresse dal Maria Abiatu Djaló Nandinga, ministro guineano delle Comunicazioni. La riapertura è stata possibile in virtù dell’intervento della Radio nazionale di Angola e di un accordo tra i due governi firmato a settembre.

L’intesa prevede forme di collaborazione nei diversi ambiti dell’informazione pubblica, nella formazione dei giornalisti e del personale addetto ad altre mansioni. Angola e Guinea Bissau, pur essendo geograficamente lontane condividono uno stesso passato coloniale e usano entrambe il portoghese come lingua ufficiale. Dalla fine di una trentennale guerra civile (nel 2002), l’Angola ha cominciato ad utilizzare i proventi dei ricchi giacimenti di petrolio che ospita attivando forme di cooperazione economica con i paesi vicini e con quelli lusofoni.

Misna 17/12/2010

I Paesi creditori della Guinea-Bissau membri del Club di Parigi hanno deciso l'annullamento del debito di questo Paese dell'Africa occidentale, che ha raggiunto nei tempi stabiliti il 'punto di completamento' dell''Iniziativa per i Paesi poveri fortemente indebitati. "Per contribuire alla sostenibilità del debito della Repubblica della Guinea-Bissau", si legge in un comunicato emesso dai Paesi creditori, "e' stato deciso di annullare il debito di 256 milioni di dollari in valore nominale".

Il 'club' ha anche annullato 'a titolo bilaterale un debito di altri 27 milioni, dopo aver preso atto "della determinazione della Guinea Bissau a mettere in opera un programma economico per accelerare la crescita e la riduzione della povertà". Creata nel 1996 dal Fondo monetario internazionale e dalla Banca mondiale, l''Iniziativa dei Paesi poveri fortemente indebitati assiste concretamente le nazioni più povere rendendone 'sostenibile' il debito internazionale.

12 Mag 2011 (AGIAFRO)

Pagina 1 di 4

LA CRISI POLITICA FRENA L’ECONOMIA - Misna 04 luglio ore 14.00

Sono stati sospesi ieri per l’assenza dei 67 deputati del…

ATTESA DELEGAZIONE CEDEAO PER RIPRESA NEGOZIATI - Misna 09 maggio 2012 ore 19.10

E’ atteso al massimo entro venerdì l’arrivo in Guinea Bissau…

AD ABUJA SI DECIDE INVIO MISSIONE MILITARE - 14 maggio 2012 ore 14.00

Entro venerdì le truppe della Comunità economica dei paesi dell’Africa…

COMINCIA RITIRO CONTINGENTE ANGOLANO - Misna 07 Giugno 2012 ore 11.25

E’ cominciato da qualche ora il ritiro della missione angolana…

DOPO GOLPE E TRANSIZIONE ORA È “SPOIL SYSTEM” - Misna 15 Giugno 2012 - ore 14.45

Amministratori e responsabili di aziende statali, comprese radio e televisioni…

LIBERATI AUTORI TENTATO GOLPE DI DICEMBRE - Misna 22 Giugno 2012 ore 13.40

E’ stato liberato l’ex capo della Marina militare della Guinea…

GOLPE, DELEGAZIONE CEDEAO A BISSAU PER MEDIAZIONE - Misna 17 aprile 2012 ore 09.45

Sono andati avanti per diverse ore nella notte tra ieri…

UNIONE AFRICANA SOSPENDE BISSAU, VESCOVI CHIEDONO DIALOGO - Misna 17 aprile 2012 ore 14.35

L’Unione africana (UA) ha sospeso oggi la Guinea Bissau e…

GIUNTA FIRMA ACCORDO DI TRANSIZIONE CON OPPOSIZIONE - Misna 19 aorile 2012 ore 10,40

La dissoluzione di tutte le istituzioni e una transizione di…

GOLPE, CRISI NEL REGNO DELLA CASTAGNA DI CAJU - Misna 24 aprile 2012 ore 8.15

“Oggi in Guinea Bissau hanno ripreso a funzionare le scuole…

SITUAZIONE DI STALLO, ATTESA PER DECISIONI COMUNITÀ INTERNAZIONALE - Misna 24 aprile 2012 ore 18.25

“E’ paralisi in Guinea Bissau, una situazione di stallo con…

ULTIMATUM DI 72 ORE ALLA GIUNTA - Misna 27 aprile 2012 ore 9.13

Riuniti in via straordinaria ad Abidjan, in Costa d’Avorio, i…

NEGOZIATI IN STALLO, CEDEAO IMPONE SANZIONI CONTRO GIUNTA - Misna 30 aprile 2012 ore 13.30

Sanzioni contro la giunta militare al potere in Guinea Bissau…

CEDEAO AMMORBIDISCE POSIZIONI CONTRO GIUNTA MILITARE Misna 04 maggio 2012 ore 14.00

Hanno chiesto la liberazione dei prigionieri “illegalmente detenuti”, preso atto…

PAESI LUSOFONI PER MAGGIORI PRESSIONI SU GOLPISTI - Misna 07 maggio 2012 ore 9.00

Con una risoluzione approvata a Lisbona in occasione di una…

Annullamento del debito della Guinea Bissau dei Paesi membri del Club di Parigi

I Paesi creditori della Guinea-Bissau membri del Club di Parigi…

Nomina del Vescovo Ausiliare di Bissau Città del Vaticano: rev.do José Lampra Cà.

Nomina del Vescovo Ausiliare di Bissau Città del Vaticano -…

Plauso della Chiesa per la legge sull’abrogazione delle mutilazioni genitali femminili

Bissau (Agenzia Fides) - “Desidero ringraziare il Parlamento per l’approvazione…

Proteste contro il Primo Ministro Carlos Gomes Junior

Il presidente Malam Bacai Sanha ha consultato ieri dirigenti della…

Natale in Guinea Bissau da padre Davide Sciocco di "Radio Sol Mansi

"Carissimi amici, ogni tanto mi tocca scrivervi per comunicarvi qualche…

E' morto il Capo di Stato Malam Bacai Sanha. Verso nuove elezioni nel Paese.

E’ morto oggi a Parigi in seguito a una malattia…

TENTATIVO DI GOLPE: MILITARI ANNUNCIANO PRESA DEL POTERE - Misna 13 aprile 2012 ore 09.00

Non è ancora chiaro dove si trovino l’ex primo ministro…

UNA VOCE DA BISSAU: “SPARI ED ESPLOSIONI, SITUAZIONE ANCORA INCERTA” - Misna 13 aprile ore 11

“Ho sentito spari ed esplosioni di granate intorno alle 19.45…

MILITARI ‘SPIEGANO’ GOLPE, PRIME CONDANNE INTERNAZIONALI - Misna 13 aprile 2012 ore 15.00

Hanno denunciato un presunto complotto ordito da primo ministro e…

I GOLPISTI PROMETTONO UNA SOLUZIONE POLITICA, È CAOS - Misna 13 aprile 2012 ore 19.00

Un incontro tra rappresentanti dei militari golpisti ed esponenti dei…

Dopo cinque mesi la televisione riprende a funzionare

Dopo cinque mesi di stop dovuti a problemi tecnici, la…

Il Primo Ministro accusato di coinvolgimento nell'omicidio di due deputati

Il primo ministro Carlos Gomes Junior sarebbe coinvolto nell'omicidio di…

"Radio Sol Mansi" in America per narrare la sua testimonianza di dialogo interreligioso

“Le radio locali quale strumento di pace in Guinea Bissau”.…

Vertice Ecowas ad Abuja, in agenda la situazione della Guinea Bissau

Sarà la situazione politica in Guinea Bissau e la possibilità…

Per i Ministri nè visite all'estero nè auto di lusso

Niente più missioni all’estero né auto di lusso per gli…

Televisione e 'Risoich'... ecco serviti i mondiali

“Schermi giganti ‘sponsorizzati’, un’antenna parabolica e un luogo di ritrovo…

È ARRIVATO IL 5x1000

È arrivata la comunicazione dello stanziamento del 5x1000 che i…

CookiesAccept

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo
Il sito web retegb.org è di proprietà dell'associaizione:

RETE GUINEA BISSAU ONLUS - ORGANISMO DI VOLONTARIATO,
via dell’Industria 1/C - San Martino Buon Albergo (VR) 37138 Verona
P.iva e Cod Fiscale
93130820231reteguineabissau@gmail.com

utilizza i cookies per offrire i propri servizi semplici e efficienti agli Utenti durante la consultazione delle sue pagine. Le tabelle riportate di seguito riepilogano i diversi tipi di cookie che potrebbero essere utilizzati sul Sito, insieme alla loro rispettiva funzione e durata (ovvero per quanto tempo ciascun cookie rimarrà sul vostro dispositivo).
L'informativa è valida solo per il suddetto Sito ed ai correlati suoi domini di secondo e terzo livello e non per eventuali altri siti consultabili tramite link. Facendo uso di questo Sito si acconsente il nostro utilizzo di cookie in conformità con la presente Cookie Policy. Se non si acconsente al nostro utilizzo di cookie, occorre impostare il proprio browser in modo appropriato oppure non usare i presente sito o i domini di secondo e terzo livello corrispondenti. Se si decide di disabilitare i cookie che impieghiamo potrebbe essere influenzata l’esperienza dell’utente mentre naviga sul nostro Sito.

Ulteriori informazioni sulla Privacy Policy.

 


1. Che cosa sono i Cookies?

I cookie sono stringhe di testo di piccole dimensioni che i siti visitati dall’utente inviano al suo terminale (solitamente al browser), dove vengono memorizzati per essere poi ritrasmessi agli stessi siti alla successiva visita del medesimo utente. Nel corso della navigazione su un sito, l’utente può ricevere sul suo terminale anche cookie che vengono inviati da siti o da web server diversi (c.d. “terze parti”), sui quali possono risiedere alcuni elementi (quali, ad esempio, immagini, mappe, suoni, specifici link a pagine di altri domini) presenti sul sito che lo stesso sta visitando.
I cookie, solitamente presenti nei browser degli utenti in numero molto elevato e a volte anche con caratteristiche di ampia persistenza temporale, sono usati per differenti finalità: esecuzione di autenticazioni informatiche, monitoraggio di sessioni, memorizzazione di informazioni su specifiche configurazioni riguardanti gli utenti che accedono al server, ecc.

 


2. Quali sono le principali tipologie di Cookies?

Al riguardo, e ai fini del presente provvedimento, si individuano pertanto due macro-categorie: cookie “tecnici” e cookie “di profilazione”.

a. Cookie tecnici.

I cookie tecnici sono quelli utilizzati al solo fine di “effettuare la trasmissione di una comunicazione su una rete di comunicazione elettronica, o nella misura strettamente necessaria al fornitore di un servizio della società dell’informazione esplicitamente richiesto dall’abbonato o dall’utente a erogare tale servizio” (cfr. art. 122, comma 1, del Codice Privacy).
Essi non vengono utilizzati per scopi ulteriori e sono normalmente installati direttamente dal titolare o gestore del sito web. Possono essere suddivisi in cookie di navigazione o di sessione, che garantiscono la normale navigazione e fruizione del sito web (permettendo, ad esempio, di realizzare un acquisto o autenticarsi per accedere ad aree riservate); cookie analytics, assimilati ai cookie tecnici laddove utilizzati direttamente dal gestore del sito per raccogliere informazioni, in forma aggregata, sul numero degli utenti e su come questi visitano il sito stesso; cookie di funzionalità, che permettono all’utente la navigazione in funzione di una serie di criteri selezionati (ad esempio, la lingua, i prodotti selezionati per l’acquisto) al fine di migliorare il servizio reso allo stesso. Per l’installazione di tali cookie non è richiesto il preventivo consenso degli utenti.

b. Cookie di profilazione.

I cookie di profilazione sono volti a creare profili relativi all’utente e vengono utilizzati al fine di inviare messaggi pubblicitari in linea con le preferenze manifestate dallo stesso nell’ambito della navigazione in rete. In ragione della particolare invasività che tali dispositivi possono avere nell’ambito della sfera privata degli utenti, la normativa europea e italiana prevede che l’utente debba essere adeguatamente informato sull’uso degli stessi ed esprimere così il proprio valido consenso. Ad essi si riferisce l’art. 122 del Codice Privacy laddove prevede che “l’archiviazione delle informazioni nell’apparecchio terminale di un contraente o di un utente o l’accesso a informazioni già archiviate sono consentiti unicamente a condizione che il contraente o l’utente abbia espresso il proprio consenso dopo essere stato informato con le modalità semplificate di cui all’articolo 13 Codice Privacy, comma 3″ .

Session e Persistent Cookies

I Session Cookies, che contengono l’informazione che viene utilizzata nella tua sessione corrente del browser. Questi cookies vengono automaticamente cancellati quando chiudi il browser. Nulla viene conservato sul tuo computer oltre il tempo di utilizzazione del sito (ASP.NET_SessionId e language).

I Persistent Cookies (tipo ASPXANONYMOUS), che vengono utilizzati per mantenere l’informazione che viene utilizzata nel periodo tra un accesso e l’altro al sito web, o utilizzati per finalità tecniche e per migliorare la navigazione sul sito. Questo dato permette ai siti di riconoscere che sei utente o visitatore già noto e si adatta di conseguenza. I cookies “persistenti” hanno una durata che viene fissata dal sito web e che può variare da pochi minuti a diversi anni.

Cookies di prima parte e di terze parti

Occorre, cioè, tenere conto del differente soggetto che installa i cookie sul terminale dell’utente, a seconda che si tratti dello stesso gestore del sito che l’utente sta visitando (che può essere sinteticamente indicato come “editore”) o di un sito diverso che installa cookie per il tramite del primo (c.d. “terze parti”).

I Cookies di prima parte, creati e leggibili dal sito che li ha creati.

I Cookies di terze parti, che sono creati e leggibili da domini esterni al sito ed i cui dati sono conservati presso il soggetto terzo.

Le pubblicità sul nostro sito sono fornite da organizzazioni terze. I nostri partner pubblicitari forniranno annunci pubblicitari ritenuti di vostro interesse, sulla base delle informazioni raccolte a seguito delle vostre visite a questo e ad altri siti internet. Al fine di operare tale raccolta di dati il nostro partner potrebbe avere necessità di collocare un cookie (un breve file di testo) sul vostro computer. Per maggiori informazioni riguardo a questo tipo di pubblicità basata sui gusti degli utenti, derivante dai cookies di terze parti, potete visitare i siti dei terzi ai links sotto riportati.

Al link www.youronlinechoices.com troverete inoltre informazioni su come funziona la pubblicità comportamentale e molte informazioni sui cookie oltre alle tappe da seguire per proteggere la privacy su internet”.

 


3. Quali Cookie utilizza il presente sito web, quali sono le loro principali caratteristiche e come negare il consenso a ciascuno dei cookie di profilazione

Il presente sito web può inviare all’utente i cookies di seguito indicati e brevemente descritti, per le finalità di seguito precisate.

COOKIES TECNICI e di TERZE PARTI

Nome cookie Tipologia cookie Descrizione cookie Durata cookie
438d6952e3b22405b3aa8c26cb3c2924 di sessione necessario alla piattaforma web per identificare la singola sessione di un utente. singola sessione
__utma persistente, tempo di visita dell'utente necessario al servizio di terze parti Google Webmaster e Analytics. 2 anni
__utmb persistente, tasso di abbandono (valore approssimativo) dell'utente necessario al servizio di terze parti Google Analytics. 30 minuti
__utmc persistente, calcula la durata di una visita di un'utente necessario al servizio di terze parti Google Analytics. 30 minuti
__utmz persistente - provenienza dell'utente necessario al servizio di terze parti Google Analytics. 6 mesi
__utmt persistente gestisce il limite di richieste (throttle) al servizio Google Analytics. 30 minuti
SSC_statprova di sessione ShinyStat™ utilizza solo ed esclusivamente i cookie per effettuare le proprie rilevazioni. singola sessione

cookieAcceptanceCookie

accepted necessario alla navigazione del sito web fino al cancellamento
del cookie dal browser

 

COOKIES DI TERZE PARTI

Nome cookie   Descrizione   Luogo del trattamento
e Policy Link
Pulsante +1 e
widget sociali di Google+

(Google Inc.)
  Il pulsante +1 e i widget sociali di Google+ sono servizi di interazione con il social network Google+,
forniti da Google Inc
  USA
Privacy Policy
Pulsante Mi Piace e
widget sociali di Facebook
(Facebook, Inc.)
  Il pulsante “Mi Piace” e i widget sociali di Facebook sono servizi di interazione con il social network Facebook,
forniti da Facebook, Inc.
  USA
Privacy Policy
Pulsante Tweet e
widget sociali di Twitter
(Twitter, Inc.)
  Il pulsante Tweet e i widget sociali di Twitter sono servizi di interazione con il social network Twitter,
forniti da Twitter, Inc
  USA
Privacy Policy
Google Analytics
(Google Inc.)
  Google Analytics è un servizio di analisi web fornito da Google Inc. (“Google”).
Google utilizza i Dati Personali raccolti allo scopo di tracciare ed esaminare l'utilizzo di questa Applicazione,
compilare report e condividerli con gli altri servizi sviluppati da Google.
Google potrebbe utilizzare i Dati Personali per contestualizzare e personalizzare gli annunci del proprio network pubblicitario
(script impostato per il tracciamento in forma anonima).
  USA
Privacy Policy
Opt Out
Google Fonts
(Google Inc.)
  Google Fonts è un servizio di visualizzazione di stili di carattere gestito da Google Inc. che permette a questa Applicazione
di integrare tali contenuti all'interno delle proprie pagine
  USA
Privacy Policy
Google Maps
(Google Inc.)
  Google Maps è un servizio di visualizzazione di mappe gestito da Google Inc. che permette a questa Applicazione
di integrare tali contenuti all'interno delle proprie pagine.
  USA
Privacy Policy
         

GESTIONE GENERALE COOKIES

Come disabilitare i cookie mediante configurazione del browser

Come disabilitare i cookie di specifici servizi di terzi

Eliminazione dei Cookie Flash

Gestione Cookie di Terze Parti

Informativa sulla Privacy

©2019 RETE GB | RETE GUINEA BISSAU ONLUS
ORGANISMO DI VOLONTARIATO
via dell’Industria 1/C - San Martino Buon Albergo (VR) 37036 Verona - info@retegb.org
Cod. Fiscale 93130820231

Search